News

Una bella reazione contro la capolista

Winterthur II – Locarno 2-2 (0-1)

Reti: 29’ Cetrangolo 0-1; 55’ Bilinovac 0-2; 72’ Schattin 1-2; 85’ Crisafulli 2-2.

Winterthur: Bunzli; Roth, Krasniqi, Calbucci: Milani (69’ Tanzillo), Stalder, Schattin, Rinaldi, Reynoso (70’ Zimmerli); Del Toro, Crisafulli

Locarno: Maggioni; De Gianbattista, Pagano, Loiero, Regazzi; Bustamante; Bilinovac, Roguljic (90’ D.

Rodriguez), Cetrangolo (68’ Manfreda), Zivko; Lamanna (68’ Stojanov)

Arbitro: Schwaller

Note: Schuetzenwiese, 200 spettatori. Ammoniti: Pagano, Krasniqi, Loiero e Regazzi.

Ne mancavano una mezza dozzina per il debutto di Roby Chiappa sulla panchina delle Bianche Casacche. Così la trasferta in casa del Winterthur II, già ostica di per se, si presentava proibitiva. E invece, tenuto conto delle premesse, la prestazione c’è stata, anche se, per la terza volta in poche settimane è andato a farsi benedire un vantaggio di due lunghezze. Certo, è un buon punto quello ottenuto sul sintetico della capolista, ma il pareggio è giunto ancora una volta nel finale, con i nostri incapaci di resistere al serrate finale dei giovani zurighesi. Il rammarico però va smorzato, per alcune evidenti ragioni. Il primo è che la reazione c’è stata, dopo che per diversi incontri sembrava davvero che non ce ne fosse più, di benzina. Il secondo è che tutti, ma proprio tutti, hanno dato il 100%. Adesso non resta che attendere che la lunga lista di assenti si riduca almeno di un po’, che bomber Stojanov si riprenda definitivamente dal fastidio fisico che ne sta condizionando il rendimento e che la Dea bendata torni a guardare nella nostra direzione. Ma per far questo bisogna continuare a remare. È cambiato il timoniere, ma la musica è sempre ancora quella: occorre tornare a vincere, perché il successo è la medicina che cura tutti i mali.