News

Un buon punto a Wettswil

Wettswil/Bonstetten-Locarno 0-0

Wettswil/B.: Thaler; Hotnjani, Studer, Badalli; Sjefkes; Costancio (68’ Peter), Schneebeli, Bozic (69’ Waser), Gouiffe; Le; Duknich (81’ Krasniqi).

Locarno: Lucic; Rodriguez, Pergl, Simic, Mihoubi; Zubcic (88’ Mozzetti), Calic,Tirelli (80’ Fuso), Manfreda; Bilinovac, Zivko (75’ Osmani).

Note: 250 spettatori. Ammoniti: 58’ Duknich, 70’ Rodriguez.

Di solito le partite che terminano a reti inviolate vengono catalogate come noiose. Non è il caso della sfida di sabato, che si è giocata sul campo della campagna zurighese, al solito indegno della categoria. È stato infatti un caso se non è caduta nessuna segnatura, visti anche i tre legni colpiti, due dai padroni di casa e uno dal Locarno. La gara è stata attrattiva, divertente e ricca di capovolgimenti di fronte, con le due compagini che hanno messo sul verde (si fa per dire) del Moos, le migliori armi a loro disposizione. Alla forza fisica e alla foga talvolta eccessiva degli zurighesi, i verbanesi hanno contrapposto un maggior tasso tecnico che ha permesso loro di farsi preferire nel primo tempo. Col passare dei minuti però è uscita la fisicità del Wettswil, che ai punti si sarebbe aggiudicato nella ripresa. Il pareggio è venuto a premiare quindi in maniera equa le due squadre, che non avrebbero meritato di uscire a mani vuote dalla sfida. Mister Tirapelle è soddisfatto della prova dei suoi, ma lucidamente ne riconosce anche i limiti. “È stata una partita equilibrata, che sintetizza la stagione giocata finora. Se da una parte disponiamo della terza miglior difesa del campionato, a mancarci è la freddezza sotto porta. Non mi posso di certo lamentare dei miei attaccanti, che hanno segnato 11 delle 12 reti realizzate finora. A mancare sino ad oggi è stato l’apporto dei giocatori degli altri reparti. Ma sono fiducioso, perché vedo in tutti un impegno massimo. Adesso le prossime partite ci diranno molto: prima della pausa invernale affrontiamo infatti 4 squadre che ci precedono in classifica”. Si tratterà di mettere fieno in cascina, a cominciare dal derby di sabato alle 18.30 contro il Mendrisio al Lido.