Partite

FC Locarno - Etoile Carouge FC 0:1

Locarno-Etoile Carouge 0-1 (0-0)
Rete: 68' Valente.
Locarno: Buono; Loiero (51' Simic), Perazzo, Flena, Regazzi; Nimeley, Maggetti, Becchio, Bilinovac (84‘Cetrangolo); Zivko; Eschmann (70‘Stojanov).
Etoile Carouge: Gonzalez; Pasquier, Doudet (21‘Pauchard), Infante, Iyeti, Robin (86' Ntongo), Kusunga, Mithiasin (61‘Rodriguez), Garcia; Mohamed Ali, Valente.
Arbitro: Alexander Ovcharov.
Note: cielo coperto, terreno in buone condizioni. Spettatori presenti 550. All’88' ammonito Becchio ed espulso Mohammed Ali.

Non è sicuramente iniziato nel migliore dei modi il campionato del Locarno, che anche nella seconda partita casalinga di inizio stagione, è andato a vuoto. Dopo la sconfitta contro l’Old Boys, i bianchi hanno alzato bandiera bianca anche contro il Carouge per 0-1. Differenti i risultati, uguale l’esito finale e identiche anche le modalità della sconfitta. Come contro i renani infatti, i locarnesi hanno fatto il gioco, creando le premesse per passare in almeno una mezza dozzina di occasioni, ma la mancanza di freddezza sotto porta è costata ancora una volta cara agli uomini di Schoenwetter. Contro un avversario più votato alla costruzione del gioco rispetto all’Old Boys, Maggetti e soci hanno dimostrato di avere tutti i numeri per poter reggere la categoria, mettendo sotto per particamente tutta la partita gli stellati romandi. A decidere l’incontro ancora una volta un episodio estemporaneo, che ha visto Valente infilare l’incolpevole Buono dopo una palla persa sui trenta metri e che ha concesso una fatale ripartenza costata un’altra volta l’intera posta in palio. Ancora all’asciutto dopo 180 minuti, l’attacco dei ticinesi dovrà al più presto sbloccarsi e la prossima occasione si presenterà già nel prossimo fne settimana, quando il Locarno renderà visita allo Stade Nyonnais, infilato a cinque riprese dal Tuggen, che sembra conoscere qualche problema nel reparto arretrato. Prima però occorrerà trovare la necessaria verve, che potrebbe arrivare con il rientro dell’infortunato Simunac, che dovrebbe dare una mano al mobile e sicuramente valido Eschmann. Al termine della partita, lucida la lettura del direttore sportivo Kazik Nicolò: “Ancora una volta abbiamo giocato un’ottima gara, mettendo alle corde l’avversario. Dobbiamo però migliorare nel concretizzare le occasioni. Compiere un così grande lavoro ma non riuscire a segnare è davvero un peccato”.