Partite

FC Köniz - FC Locarno 4:1

Reti: 14′ Colic 1-0, 42′ Varela 2-0, 76′ Stojanov 2-1, 78′ Ciarrocchi 3-1, 88′ Franjic 4-1.
Köniz: Ruiz; Schwab, Portillo, Koubsky, Rizzo; Varela, Fermino, Friedli, Colic (65′ Franjic); Osmani (80′ Kone), Ciarrocchi (86′ Tchouga).
Locarno: Buono; Regazzi, Quadri, Perazzo, Radosevic; Simic (55’ Cetrangolo), Nimeley, Becchio; Zivko; Eschmann (55’ Stojanov), Simunac.
Note: Sportplatz Hessgut, tempo soleggiato, campo in buone condizioni. Spettatori: 250. Ammoniti: 36’ Buono, 66’ Simunac. 86’ Zivko.

La maledizione continua per il nuovo Locarno, che dopo sei giornate non è ancora riuscito a portare a casa nessun punto e conclude anche la sua trasferta a Köniz con una pesante sconfitta. Dopo la battuta di arresto di Rapperswil, che aveva preoccupato più per le modalità che per l’ampiezza, il 4-1 subito sabato è paradossalmente incoraggiante. Nonostante la sostanza del risultato sia identica, la forma è ben differente. Se una settimana prima i bianchi erano parsi impotenti, questa volta hanno messo in seria difficoltà un avversario imbottito di ex giocatori di Lega nazionale. Privato di Maggetti, Loiero e Bilinovac per infortunio e di Flena per squalifica, il Locarno ha proposto un paio d’interessanti innesti. Oltre a Stipe Simunac, ripresosi da un fastidioso infortunio, si è rivisto in maniera assolutamente inattesa anche Antonio Radosevic, che l’anno scorso si era conquistato i galloni di titolare nella sfortunata stagione di Challenge League. I due nuovi hanno portato degli stimoli importanti, che sul terreno si sono trasformati in maggior dinamismo nella manovra e in grinta supplementare, che non hanno mancato di mettere in ambasce i padroni di casa, tuttavia capaci di passare al quarto d’ora con Colic, a cui ha fatto eco poco prima della pausa Varela, vera anima di una compagine che mira senza troppe remore alla promozione. Il generoso Locarno non si è però scomposto ed è riuscito a rimettere in carreggiata la partita grazie all’1-2 di Stojanov, confermatosi un implacabile cecchino. Due minuti dopo però il redivivo Ciarrocchi ha chiuso definitivamente le ostilità, mentre allo scadere è poi giunto il rigore trasformato da Franjic, a dare al risultato una dimensione troppo ampia per quanto visto sul campo. Il prossimo fine settimana i bianchi affronteranno la terza trasferta consecutiva andando a Zurigo per sfidare la YF Juventus.