Partite

SC YF Juventus - FC Locarno 2:0

Reti: 19’ Ahmetaj 1-0; 33’ Barreiro (rigore) 2-0.

YF Juventus: Kostadinovic; Zuffi, Trovato, Bristot; Mutter (86’ Sulimani), Ndoy (93’ Limani), Hasanaj, Barreiro; Doda, Murati, Ahmetaj (62’ Romero).

Locarno: Buono; Flena, Quadri, Perazzo, Loiero, Regazzi; Radosevic (70’ Cetrangolo), Becchio (52’Stojanov); Nimeley; Simunac, Zivko (55’ Eschmann).

Note: Centro Sportivo Juchhof, 400 spettatori. Ammoniti: 14’ Loiero, 33’Regazzi, 91’ Quadri.

Adesso c’è davvero di che preoccuparsi. Giunto ormai a un quarto di campionato, il Locarno deve ancora intascare il minimo punto. E nemmeno nella trasferta di Zurigo i ticinesi sono riusciti a portare a casa un pareggio che se non altro avrebbe fatto morale. Nonostante i rientri di Flena e Loiero il Locarno è parso un’altra volta fin troppo leggero malgrado, come in altre occasioni, non abbia sfigurato. Dopo sette giornate però la buona volontà non basta più e con l’andare delle settimane la mancanza di risultati potrebbe avere effetti molto negativi sul morale di un gruppo molto giovane. Nella periferia zurighese il Locarno è andato sotto quasi subito e ha subito la seconda rete poco dopo la mezz’ora, due episodi che hanno in pratica reso l’incontro impossibile per i ticinesi. Malgrado un palo di Perazzo e un altro paio di buone occasioni quindi, il canovaccio è sempre lo stesso, e testimonia di un Locarno generoso, magari sfortunato, ma comunque ancora a mani vuote. La corsa in campionato dei sopracenerini riprenderà fra una decina di giorni con l’incontro casalingo contro il Delémont. Nel frattempo però ci sarà l’insidiosa trasferta di Coppa Svizzera a Muensingen, contro una squadra che si sta battendo molto bene in Prima Lega Classic. Potrebbe essere un incontro chiave della stagione: se i bianchi usciranno vincitori potranno fare il pieno di fiducia prima della ripresa del torneo di Promotion League, ma in caso di eliminazione potrebbero cadere in un buco molto profondo, dal quale risalire sarebbe oltremodo problematico.