Partite

FC Locarno - SR Delémont 1:1

Reti: 17’ Kilezi 0-1; 73’ Flena 1-1.

Locarno: Buono; Regazzi, Perazzo, Quadri, Radosevic (61’ Cetrangolo); Flena, Maggetti (83’ Zubcic), Nimeley, Simunac; Becchio (67’ Zivko): Eschmann.

Delémont: Mossi; Rosse, Frund, Bourgeois (75‘ Pakutu); Villemin, Stadelmann (68’ Chetelat), Mutombo, Bamele; Kilezi; Jacquel (93’ Bitiq), Bahlouli.

Arbitro: Michael Brunner

Note: Stadio Lido, 340 spettatori. Ammoniti: 44’ Mutombo, 59’ Bamele

È finalmente giunto il primo punto stagionale per il generoso Locarno guidato forse per l’ultima volta dalla panchina dal direttore sportivo Kazik Nicolò, visto che dovrebbe essere imminente l’annuncio del nome del nuovo tecnico delle bianche casacche. Per venire all’incontro il pareggio è il giusto risultato scaturito al termine di 90 minuti aspramente combattuti durante i quali la volontà e la grinta hanno avuto sicuramente più spazio rispetto alle finezze stilistiche, lasciate da parte in un incontro che era già decisivo per i destini, almeno dei ticinesi. I giurassiani sono calati al Lido con molte assenze di peso e hanno impostato una partita di contenimento, subendo fino al quarto d’ora il dominio verbanese. Come spesso accade però, contro l’andamento del gioco a segnare sono stati gli ospiti, bravi a infilare in mischia con Kilezi. Subìto il contraccolpo il Locarno ha vacillato, ma grazie soprattutto a Buono, autore di un paio di interventi decisivi, è riuscito a non subire la rete del raddoppio.
Nella ripresa i sopracenerini sono partiti lancia in resta e hanno messo sotto pressione la difesa romanda, che ha finito per capitolare al 73’. Scorribanda di Zivko sulla destra, passaggio a ritroso per Flena e preciso colpo sotto che ha sollevato il pubblico presente dall’incubo dell’ennesima sconfitta stagionale. Nel finale, con entrambe le compagini stremate, il Locarno ha spinto molto, fallendo nei recuperi con Simunac la rete della vittoria. Bravo in quella circostanza Mossi, che ha rintuzzato il tentativo di pallonetto del centrocampista locarnese.
Un punto che fa classifica dunque, e che toglie lo scomodo zero dalla classifica dei ticinesi, che adesso avranno 10 giorni di riposo prima del prossimo impegno, ancora al Lido, contro il temibile Breitenrain, domenica 4 ottobre.